Il nostro sito richiede i cookies per funzionare nel modo corretto. Utilizzando il nostro sito web, l'utente accetta di utilizzare i cookies. Leggi tutto Nascondi

Vuoi smettere di perdere orate? Scegli l’amo giusto.

Vuoi smettere di perdere orate? Scegli l’amo giusto.

Qual’è l’amo da scegliere per smettere di perdere le orate?

A pesca la canna e il mulinello sono importanti ma, i veri protagonisti dell’azione, quelli che devi conoscere bene perchè non perdonano gli errori, sono solo due l’amo e il filo.

Esistono in commercio tantissimi tipi di amo, a volte anche molto diversi tra loro fondamentalmente per 3 ragioni; perché ogni amo deve adattarsi ad un’esca, alle abitudini e alla morfologia dell’apparato boccale del pesce che vogliamo insidiare. Queste considerazioni spesso non vengono valutate col risultato che la maggior parte dei pescatori o dei negozianti acquista o consiglia un amo attratti dalla forma, per abitudine o, semplicemente perché gli è stato consigliato da un amico. … ma, come diceva un mio dotto antenato “scientia potentia est!” quindi, per scegliere l’amo giusto, devi semplicemente tener presente questi 4 consigli :

  1. Conoscere le caratteristiche principali degli ami. Per esempio leggendo il nostro post: Come scegliere l’amo giusto
  2. Conoscere le esche che userai.
  3. Conoscere la tecnica di pesca a cui abbinarli.
  4. Conoscere la morfologia, la fisiologia e le abitudini del pesce che vuoi insidiare.

In questo articolo voglio parlarti di ami per la pesca specifica delle orate. Pesce difficilissimo da ferrare soprattutto a causa dell'apparato boccale che presenta sulla parte anteriore di ciascuna mascella 4-6 grossi denti canini-formi seguiti da 3-5 serie di denti molari-formi superiori e 3-4 inferiori. La presenza di molti denti rende l'apparato boccale dell'orata molto duro e difficilmente penetrabile dall'amo. Si aggiunge a questa caratteristica morfologica l'abitudine del pesce di schiacciare frequentemente l'esca prima di ingoiarla, cosa che spesso spinge il pescatore ad anticipare la ferrata col risultato di perdere il pesce.
Quindi, a differenza di altri pesci, nella pesca dell' orata i risultati dipendono in grandissima parte dalla scelta dell'amo.

Ma quale differenza c'è tra amo ed amo?

Qualche anno fa scrissi un articolo su “Come scegliere l’amo giusto”. Per i dettagli sui tipi di amo ti suggerisco la lettura di quell’articolo perché qui mi limiterò a riprendere due concetti : amo ferrante e auto-ferrante.

L’amo ferrante ha una forma lineare e classica (J-Hook) e la sua azione è diretta, pertanto quando il pesce abbocca penetra più velocemente ma a causa della sua forma è facilmente “slamabile” soprattutto in fase di recupero quindi, conviene tenere sempre la lenza in tensione. La forma tipica di questi ami può inoltre favorirne la rottura soprattuto con pesci come l’orata perché in trazione se l’amo non ha infilzato correttamente i tessuti dell’apparato boccale può “aprirsi”.

L’amo auto-ferrante ha una forma a “G”. Quando il pesce trascina l’esca e la lenza si tende l’amo si predispone sempre nella posizione ottimale per forare i tessuti dell’apparato boccale e raggiungere la “posizione corretta” che riduce notevolmente le probabilità di “apertura” o rottura . Si dice auto-ferrante perché è il pesce che muovendosi predispone l’amo alla ferrata.

Perché l’amo si rompe?

Un tipico inconveniente della pesca all’orata, specie se di taglia, è la rottura dell’amo durante il recupero del pesce. Questo accade perché l’amo non penetra a sufficienza e quindi, tra la punta dell’amo e l’occhiello (o la paletta), si generano due forze opposte che tendono ad allargarlo. Un amo DURO (quasi tutti i nuovi ami in commercio sono realizzati in leghe al carbonio) ha una punta più affilata (spesso frutto di affilatura chimica e non meccanica) che si spunta meno facilmente e penetra meglio i tessuti. Non si deforma ma raggiunto lo sforzo meccanico massimo si rompe. Un amo DUTTILE cioè capace di deformarsi, può raddrizzarsi ma avrà anche una punta molto meno affilata o più facilmente deformabile. Nel bilancio vantaggi e svantaggi è sempre meglio scegliere un amo duro più penetrante che uno duttile meno penetrante perché è più importante che l’amo penetri i tessuti e si posizioni in modo corretto.

Dimensioni dell’amo.

In generale, per questa pesca, non usare ami di piccole dimensioni, perchè l’ardiglione, essendo troppo piccolo, non garantisce la presa. Ad esempio, per pescare dalla spiaggia utilizzando come innesco il verme ( Drago Rosso, Muriddu, Tremolina, Arenicola, Coreano, etc ) conviene usare un amo che abbia una misura dal n.5 all’ n.11. Per la pesca da natante o per esche più voluminose come il cannolicchio o il bibi usa ami grandi dal 2/0 al 3 in modo da avere una ferrata sicura e un amo più robusto che supporti il combattimento durante il recupero considerando, che un boccone più voluminoso seleziona anche prede più grandi.

Lunghezza del finale.

Anche se non strettamente attinente a questa discussione, in cui volevo concentrarmi prevalentemente sulla scelta dell’amo, ritengo importante spendere qualche riga per suggeriti di utilizzare sempre finali lunghi e in fluorocarbon purissimo (ad esempio: P-Line Shinsei, CFX, Tactical etc) perché ti consente di salire coi diametri a parità di visibilità in acqua e soprattutto perché affonda. Inoltre il fluorocarbon è molto più resistente alle abrasioni di qualsiasi “nylon”. Per le orate è importante che il finale sia lungo, l’ideale sarebbe 2 metri , comunque non meno di 1,5 metri.

Arriviamo al dunque; quale amo scegliere?

AMI FERRANTI

453 NK nelle misure 3–4–5. Amo ferrante a paletta molto sensibile ma robusto ottimo per innescare gamberi, vermi di mare o striscette di bibi. Speciale per pescare a striscio o al tocco con la canna in mano. Meglio se usato con canne morbide. Il recupero del pesce deve essere fatto tenendo sempre la lenza in tiro.

Barena 453 NK

Scegli questo amo quando ti accorgi dalle tocche che il pesce è svogliato e diffidente e quindi devi cercarlo sul fondo.

786 NK nelle misure 1–2–3–4–5. Amo ferrante a paletta di forma tondeggiante. Anche questo amo è adatto all’innesco di gamberi vivi, vermi di mare, strisce di bibi. Eccellente per pescare a galleggio.

Barena 786 NK

Scegli questo amo quando cerchi pesce a galleggio.

693 MB misure 1/0–1–3–5. Amo robustissimo ferrante con paletta e micro ardiglioni sul dorso per sorreggere bibi, vermi di mare, cannolicchi, cozze, etc.

Barena 693 MB

Scegli questo amo per la pesca a fondo quando il pesce mangia deciso ed è di taglia. E’ sicurissimo nella tenuta e facile nella fase di slamo.

677 MB misure 0/0–2–3–4–5–6–8–10. Amo robustissimo a paletta tipo “ Aberdeen” gambo lungo. Da utilizzare nella pesca a fondo innescando bibi, corbole, vermi di mare, canolicchi nelle misure grandi 0/0–2–3–4, vermi di mare in genere nelle misure più piccole 5–6–8–10. Nella pesca da spiaggia usa le misure più piccole (5–6–8–10).

Barena 677 MB

Scegli questo amo per la pesca a fondo tradizionale curando bene l’innesco; non essendo svergolato questo amo viene normamete ingoiato quindi in generale non va bene per la pesca “veloce” come le gare di pesca, perché più difficile da slamare.

B52 MB misure 0/0–1–3–5–7–9–11. Robustissimo amo ferrante ad occhiello su cui innescare bibi interi, cannolicchi, vermi di rimini nelle misure 0/0–1–3 e vermi di mare come muriddu, americani, coreani nelle misure 5–7. Arenicola e tremolina nelle misure 9–11. Molto usato nel Surf Casting , soprattutto in gara nelle misure 9 e 11.

Barena B 52 BN

Scegli questo amo nelle misure più piccole per la pesca dalla spiaggia sia con pesce attivo che con pesce diffidente.

AMI AUTO-FERRANTI

697 MB misure 1/0–00–1–3–5–7. Robustissimo amo auto-ferrante a paletta, su cui si innescano bibi, drago rosso, cannolicchi nelle misure grandi 1/0–00–1–3 , muriddu e tremoline nelle misure piccole 5 e 7. Da usare principalmente nella pesca a fondo. Usa le misure piccole nelle pesca dalla spiaggia.

Barena 697 MB

Scegli questo amo quando vedi tocche ma non riesci a concretizzare. Lascia che il pesce mangi deciso prima di ferrare.

H 655 misure 2/0–1/0–1–2–3–5–7–9. Robustissimo amo auto-ferrante ad occhiello su cui si innescano nelle misure grandi 2/0 e 1/0 bibi, vermi di rimini, cannolicchi e drago rosso, nelle misure 1–2–3–5–7–9 bibi a striscette e vermi di mare. Da usare prevalentemente nella pesca a fondo. Se lo usi da spiaggia scegli le misure 7–9.

Barena H 655

Scegli questo amo quando ti accorgi che perdi pesci con gli ami ferranti oppure quando hai la sensazione che il pesce sia fermo e svogliato. In ogni caso attento a come ferri!! Quando vedi la tocca dai filo, lascia mangiare e poi ferra.

F14 misure 2/0–1/0–1–2–4–6. Amo durissimo svergolato di facile penetrazione anche nell’apparato boccale più duro. Adatto a grossi pesci e all’innesco di qualsiasi esca. Amo estremamente duro scelto molto dai mestieranti per l’alta penetrabilità della punta. Essendo realizzato con lega molto dura nella pesca all’orata utilizza fili trecciati solo con canne molto morbide per evitare eccessive sollecitazioni meccaniche nel caso in cui l’amo non sia penetrato correttamente nell’apparato boccale del pesce. E’ per sua natura un amo ibrido in quanto non è strettamente ferrante e non è del tutto auto-ferrante. Consideralo un amo strategico per l’orata in quanto si presta benissimo all’innesco di molte esche diverse come corbole, bibi, vermi a fiocco o inneschi misti (striscetta di bibi e fiocco di drago rosso in punta), e ti consente quindi di testare velocemente l’esca migliore senza dover cambiare continuamente amo. Per la pesca da natante o da riva cercando le grosse prede utilizza le seguenti misure:1–1/0–2/0 mentre per la pesca da spiaggia alla ricerca di orate da porzione usa le misure 2–4–6.

Barena F14

Scegli questo amo per cominciare le tue battute di pesca; è un amo che rende bene anche se il pesce non mangia deciso pertanto ti permette di pescare e nello stesso tempo di capire quale amo usare. NB. E’ un amo durissimo, capace di penetrare i tessuti più duri, pertanto può succedere che se non è ben piantato nel palato dell’orata durante il recupero si spezzi oppure che si spezzi mentre lo sforzi per slamarlo.